Progetti

Progetto continuità tra alunni: gli allievi della classe quinta incontrano i ragazzi della 1E della scuola “Sacco- Boetto”

Il Progetto Continuità ha lo scopo di sostenere e accompagnare gli alunni nel delicato passaggio dalla scuola primaria alla scuola secondaria di primo grado. Si tratta di iniziative che vedono come protagonisti gli alunni, sia della scuola primaria che di quella secondaria di primo grado. Lo scopo di queste iniziative è quello di dare l’opportunità agli alunni di quinta di conoscere la scuola secondaria non solo dal punto di vista fisico (spazi, laboratori), ma soprattutto come ambiente di apprendimento e di relazione tra gli alunni e tra gli alunni e i docenti.

La prima tra tutte queste iniziative ha avuto luogo nel salone della scuola Primaria “San Domenico” ed ha visto protagonisti i 26 alunni della classe quinta del nostro Istituto guidati dalla maestra Monica e la classe prima E  della Scuola Secondaria di primo grado “Sacco-Boetto”  accompagnati dalla loro insegnante Oberto.

L’incontro, avvenuto dalle ore 08:45 alle ore 09:45 di giovedì 21 novembre, è stato di grande aiuto per gli allievi di quinta: gli alunni della secondaria infatti li hanno rassicurati mostrando un grande senso di responsabilità, di appartenenza e la predisposizione all’ impegno e alla collaborazione.

I ragazzi della Scuola Secondaria hanno tenuto una piacevole lezione sotto l’attenta supervisione della loro professoressa di geografia ed hanno saputo tenere vivo l’interesse dei partecipanti comunicando le proprie esperienze, le nuove conoscenze e condividendo alcune esperienze didattiche.

 Al termine gli alunni della classe quinta hanno posto alcune domande; al rientro in classe la sensazione dei ragazzi è stata quella di aver messo un primo mattone per la costruzione di quel “ponte” che li aiuterà nel passaggio dalla scuola primaria a quella secondaria.

Nel mese di dicembre i prossimi incontri: gli allievi attendono con ansia le visite alle “medie” dove potranno assistere e partecipare ad una lezione e vedere i locali di quella che diverrà la loro scuola.

M.B.